I vizi capitali e i nuovi vizi

Acquista
Data uscita: 06/01/2015
Pagine: 00000
EAN: 9788858820841
Prezzo: € 4,99

“Come al solito non sono mai le virtù ma sempre i vizi a dirci chi è, di volta in volta, l’uomo. E allora guardiamoli da vicino questi vizi,” così comincia Umberto Galimberti e prende le mosse dai vizi capitali: Accidia, Avarizia, Gola, Invidia, Ira, Lussuria, Superbia. Identificati come “abiti del male” da Aristotele, come “opposizione della volontà dell’uomo alla volontà divina” nel Medioevo, come espressione della tipologia umana nell’Età dei lumi appaiono infine come manifestazione psicopatologica nel Novecento. “E così, fuoriescono dal mondo morale per fare il loro ingresso in quello patologico. Non più vizi, ma malattie dello spirito.” Alla luce di questa sequenza storica, Galimberti “ambienta” i vizi nel panorama contemporaneo lasciando emergere significative contraddizioni, un’inedita penetrazione nel conflitto fra la funzionalità (anche del male) nell’età della tecnica e l’urgenza dell’etica. Segue, come un inevitabile complemento, un’ampia ricognizione su quelle tendenze, modalità comportamentali che si potrebbero definire, con la dovuta accortezza, come i “nuovi vizi”: la sociopatia, la spudoratezza, il consumismo, il conformismo, la sessomania, il culto del vuoto. Non si tratta di caratteristiche della personalità (come lo sono i vizi capitali: l’avaro, il goloso, il superbo ecc.), anzi la voluttà dello shopping, la dipendenza dalla merce, per esempio, sono esattamente il contrario: il dissolvimento della personalità. E allora perché parlarne? “Per esserne almeno consapevoli e non scambiare per ‘valori della modernità’ quelli che invece sono solo i suoi disastrosi inconvenienti.”

2017-11-30T18:38:11+00:00 6 gennaio 2015|Commenti disabilitati su I vizi capitali e i nuovi vizi